riceviamo da “slai cobas per il sindacato di classe”, taranto, e volentieri pubblichiamo

Comunicato ai lavoratori e alla stampa

La minaccia insensata e arrogante di ArcelorMittal serve a governo e sindacati per dare immunità penale e cassaintegrazione permanente ai padroni

La cassa integrazione non doveva neanche cominciare prima degli incontri del 4 e 9 luglio – farla cominciare significa avallarla poi ai tavoli del 4 e 9 luglio.
USB non può minacciare sciopero e presidio senza indirlo per il 1 luglio, perchè altrimenti anche qui c’è tanta ipocrisia.
Lo Slai cobas per il sindacato di classe non ha indetto sciopero per il 1 luglio non avendo la forza e la rappresentanza per farlo realmente, ma ha indicato come proposta – tutti coloro che hanno ricevuto la lettera di cassintegrazione si presentino regolarmente in fabbrica il 1 luglio e ci sia sciopero per non fare iniziare la cassaintegrazione secondo le modalità possibili – quello che era ed è giusto fare a fronte alla arroganza e ricatto padronale.
Questo sosterremo lunedì mattina alle 6 alle port A e D

Slai cobas per il sindacato di classe Taranto
slaicobasta@gmail.com
347-5301704

Chiariamo a tutti compreso a Palombella (segr. naz. Uilm) che ArcelorMittal non può arrogarsi il diritto di chiudere gli impianti dello stabilimento siderurgico di Taranto nel caso il Governo confermi il Decreto crescita in cui è inserito l’ormai famoso (mini)stop alla cosiddetta immunità penale il 6 settembre prossimo. Una minaccia che non ha alcun senso, perchè ArcelorMittal non è ancora il proprietario dell’ex Ilva ma ne è il gestore fintanto che non si perfezionerà il contratto di acquisto con lo Stato italiano: ora paga l’affitto
Semmai, potrebbe fermare temporaneamente la produzione che non è proprio la stessa cosa, assumendosi la responsabilità sociale, sindacale, politica e penale di questo atto.
Questo va chiarito perchè si smorzino subito gli psuedo-drammi degli industrialisti e immunopenalisti che risiedono ovunque, così come l’entusiasmo di quanti credono alla minaccia di chiusura dopo il 6 settembre. Se ArcelorMittal decidesse di recedere dall’accordo – ed è l’unico percorso possibile per il gruppo -, lo stabilimento tornerebbe in qualche modo nelle mani dello Stato. nella forma dei commissari inizialmente e in una nuova vendita o nazionalizzazione.

Il cartello messo da noi per questa mattina è quello c che avrebbe dovuto essere messo da tutti i sindacati presenti ed rsu in fabbrica – sempre se fossero sindacati e non agenzie per il personale per conto di Arcelor/Mittal

Informazioni su pennatagliente

Contro ogni revisionismo. Per il marxismo-leninismo-maoismo, principalmente maoismo. Per un giornalismo proletario. Viva Marx! Viva Lenin! Viva Mao Tsetung!
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.