parole ingiustificabili, quelle di luciano violante

L’edizione di giovedì primo dicembre del quotidiano fascista Secolo d’Italia riporta i contenuti di un colloquio tra la scribacchina Mia Fenice e l’avvocato Luciano Violante, ex presidente della Camera dei Deputati ed ex dirigente del partito revisionista, il cui unico lato apprezzabile esula totalmente dalle vicende politiche.

Non è la prima volta che ci occupiamo, contestandone i concetti espressi, di questo assai poco “signore”, che da tempo è dedito allo sproloquio su qualunque argomento intervenga: almeno dai giorni in cui invitava gli italiani a cercare di «comprendere le – oggettivamente del tutto inesistenti – ragioni del ragazzi di Salò».

Questa volta il personaggio in questione fa un ulteriore salto di qualità rispetto a quanto fin qui dichiarato; invitiamo a leggere – aprendo il link sopra segnalato – le sue parole: è del tutto evidente che il suo è il proseguimento dello sdoganamento della destra fascista, assurdamente omaggiata di essere diventata semplicemente “conservatrice”.

Sembra che molti esponenti di spicco del Partito Democratico stiano facendo di tutto per mostrarsi accondiscendenti rispetto alla compagine governativa, tanto da considerarla assolutamente interna alla dialettica democratica; un errore che rischia di essere pagato dagli italiani a carissimo prezzo: il voler sabotare la nascita di qualcosa d’altro rispetto all’esistente non giustifica un simile atteggiamento.

Informazioni su pennatagliente

Contro ogni revisionismo. Per il marxismo-leninismo-maoismo, principalmente maoismo. Per un giornalismo proletario. Viva Marx! Viva Lenin! Viva Mao Tsetung!
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.