réportage dalla manifestazione di roma del 3 dicembre. la voce operaia classista, combattiva, politica d’avanguardia della nostra delegazione (da proletari comunisti)

L’immagine di piazza S. Giovanni, delle migliaia di lavoratori che hanno partecipato alla grossa manifestazione contro guerra e carovita di roma, sabato 3 dicembre

REPORT DAL CORTEO DI ROMA – da parte di operai Slai cobas sc.

La partenza è stata comune, l’arrivo separato, ma migliaia di lavoratori hanno portato la loro battaglia quotidiana nella piazza contro il governo.

La maggior parte dei lavoratori era della logistica, un bel pezzo dei lavoratori delle campagne con l’Usb, 4 striscioni dalle fabbriche metalmeccaniche. 

Le presenze sono state circa 10.000 in totale: dei sindacati di base, oltre Sicobas e Usb, vi era SGB, lo Slai cobas sc con una delegazione da varie città e fabbriche, in particolare Tenaris Dalmine, Acciaierie d’Italia Taranto; quindi il Movimento disoccupati 7 novembre, Fgc, studenti dell’Osa e di Cambiare rotta, e presenze politiche solidali di orientamento comunista rivoluzionario e realtà di movimento,  compagni anarchici contro la condizione detentiva di Alfredo Cospito  41bis…

La nostra azione: abbiamo affisso striscioni visibili, e utilizzato lo speakeraggio per propagandare e rivolgere ai lavoratori i nostri contenuti e agevolare diffusione del foglio proletari comunisti, mentre passavano gli spezzoni, entrando dentro; questo ha agevolato lo scambio di opinioni con i lavoratori rispetto alla situazione esistente sui posti di lavoro, ‘tutti i giorni facciamo sciopero contro il padrone, mentre oggi siamo qui per mettere al centro la lotta contro il sistema dei padroni, il loro governo, la guerra….’

Oltre al foglio è stata ben accolta la mozione operaia contro guerra interimperialista in corso con al centro l’Ucraina…in particolare da alcuni migranti Usb delle campagne e dal contingente dei ferrovieri dell’Orsa. All’arrivo in piazza San Giovanni abbiamo tenuto aperto lo striscione, messi nella posizione centrale rispetto al fluire del corteo all’entrata della piazza, questo ha portato ad essere molto fotografato, perché era molto visibile, ma soprattutto perchè era quasi l’unico con la denuncia del governo Meloni come moderno  fascista.

Rispetto alla conclusione e al fatto che solo il Sicobas e la sua area è entrata nella piazza finale, mentre l’Usb si è fermata prima portando di fatto a 2 comizi finali separati. va detto a quanto abbiamo potuto verificare  che una parte del corteo dell’Usb fino alla fine non si è resa conto della dinamica e del motivo (così come è sembrato lo stesso tra giovani di  Osa e Cambiare rotta) del perché si è fermato prima e non è andato in piazza. 

Questo è stato frutto di dissidi che si erano già manifestati e che si sono solo fittiziamente ricomposti alla partenza. La manifestazione non ha nemmeno realizzato il livello  di unità dell’intersindacalità che gli organizzatori si erano dati.

Gli slogan fin da quando i primi spezzoni erano in piazza all’inizio hanno cominciato a farsi sentire. Parlando con i lavoratori nella diffusione del foglio si poteva riscontrare attenzione quando si diceva che le 100 battaglie quotidiane che tutti i lavoratori presenti fanno nei rispettivi posti di lavoro, devono trovare un percorso comune per la lotta generale contro l’intero sistema dei padroni.  – Che è la linea del fronte unico di classe che stiamo sostenendo con l’Assemblea proletaria anticapitalista a cui fanno riferimento molte realtà presenti e non presenti nel corteo

Questo è stato fortemente al centro dell’intervento del compagno operaio della Tenaris/dalmine di Bergamo fatto dal Tir durante il corteo che indicato la via della lotta politica e sociale con la prospettiva del potere operaio.

COMUNICATO DEL SI.COBAS

Una ‘immagine (di piazza San Giovanni) che parla più di tante parole: non siamo in grado di quantificare in maniera precisa quanti eravamo, ne ci interessa sparare numeri a caso; quel che certo è che in tante, proprio tante migliaia abbiamo invaso Roma.

Dietro al tir del SI Cobas, oltre ai nostri lavoratori e a vari coordinatori provinciali, si sono alternati numerosi interventi di altre realtà del sindacalismo di base e dei movimenti sociali e politici anticapitalisti: Disoccupati 7 novembre, Tendenza Internazionalista Rivoluzionaria, FGC, Fronte Comunista, Sgb, Slai Cobas sc, le realtà solidali con Alfredo Cospito e contro il 41 bis, una delegazione del Mlpd dalla Germania, i saluti a distanza del sindacato Solidaires della Francia e della CGT spagnola (aderenti alla rete sindacale internazionale “Solidarietà e Lotta”) e del fronte dei lavoratori dell’Ucraina.

Guerra, caro-vita, attacco ai salari e al reddito di cittadinanza, repressione delle lotte e delle conquiste sociali e civili: questi i temi centrali del corteo, e sui quali costruire e praticare un’opposizione di classe.

Una grande giornata di lotta operaia, anticapitalista e internazionale. 

È questa la nostra idea concreta di fronte unico di classe.

È su queste basi, in continuità con le lotte e con i percorsi unitari messi in piedi negli ultimi anni, che intendiamo continuare a lavorare.

Lavorando quotidianamente per restituire protagonismo ai lavoratori.

SI Cobas nazionale

Informazioni su pennatagliente

Contro ogni revisionismo. Per il marxismo-leninismo-maoismo, principalmente maoismo. Per un giornalismo proletario. Viva Marx! Viva Lenin! Viva Mao Tsetung!
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.