india: libertà per i prigionieri politici. contro il governo fascista indù di modi (da srp italia)

Campagna internazionale di solidarietà

l’articolo di denuncia delle condizioni dei prigionieri politici è stato pubblicato dalla rivista The Wire

Per il governo, il COVID è la scusa perfetta per peggiorare le condizioni dei prigionieri politici

Le violazioni dei diritti umani contro gli attivisti imprigionati sono state facili da coprire in nome della “quarantena” e dell’”isolamento”

Thwaha Fasal e Allan Shuaib.
Thwaha Fasal e Allan Shuaib

Allan Shuaib

20/GEN/2022

Essere incarcerati per attività politica è un abominio. Secondo Luis Jiménez de Asúa, un giurista spagnolo: “I prigionieri politici sono persone che sono state incarcerate per aver lavorato per il cambiamento rivoluzionario e per il miglioramento della società”. Innumerevoli persone sono state imprigionate per aver criticato e lavorato contro i governi. Leader come Nelson Mandela, Fidel Castro, Bhagat Singh e M.K. Gandhi erano tutti prigionieri politici. Gli attivisti per i diritti umani arrestati nel caso Elgar Parishad e tutti coloro che sono stati imprigionati durante il movimento anti-Citizenship (Amendment) Act (CAA) erano e sono prigionieri politici. Queste sono persone che hanno lavorato per il miglioramento della società.

Tuttavia, i governi hanno sempre definito i prigionieri politici “terroristi”. Sia il governo coloniale britannico in India che i governi indiani che seguirono, imprigionarono coloro che consideravano inaccettabili. Ad esempio, durante la lotta per la libertà, gli inglesi chiamarono Bhagat Singh un terrorista.

La percezione pubblica da parte di persone che non sono mai state imprigionate è che tutti coloro che sono in prigione meritano di essere lì per sempre, immeritevoli dei diritti umani. Eppure, anche i prigionieri sono umani. Secondo l’Indian Prison Act promulgato dagli inglesi nel 1894, tutti gli stati indiani devono stabilire regole in base alle loro circostanze e amministrare le prigioni in base a queste regole. In Kerala, ad esempio, le carceri sono governate dal Kerala Prisons and Correctional Services (Management) Act, 2014.

Queste regole carcerarie descrivono i diritti di un prigioniero, le cose da fare e da non fare, il cibo, i vestiti e altre cose di prima necessità. E qualsiasi progresso materiale e immateriale nelle regole carcerarie è dovuto agli sforzi dei prigionieri politici, non alla benevolenza dello stato. Durante la lotta per la libertà dell’India, l’Impero britannico ha dovuto infine accettare le richieste di prigionieri come Jatindranath Das, Bhagat Singh e i loro compagni, che hanno fatto uno sciopero della fame di 63 giorni per i diritti dei prigionieri politici. Ex leader comunisti come E.M.S. Namboodiripad e A.K. Gopalan hanno combattuto nelle carceri e in seguito hanno fatto varie riforme carcerarie quando sono saliti al potere.

Oltre alle lotte carcerarie, ci sono state una serie di riforme e interventi a favore dei detenuti a causa del lavoro costante e la pressione dentro e fuori i tribunali. Il 26 aprile 2000, nel caso Stato dell’Andhra Pradesh contro Challa Ramakrishna Reddy e altri, la Corte Suprema ha  chiarito che un prigioniero, sia esso un condannato, sotto processo o detenuto, non cessa di essere un essere umano. L’individuo ha quindi diritto a tutti i diritti fondamentali previsti dalla costituzione.

Il 9 settembre 2021, nel caso Nirmala Kumari Uppunganti contro lo Stato del Maharashtra, la corte, mentre affermava che il leader maoista Nirmala doveva ricevere cure mediche, ha dichiarato:  “Solo perché la persona è un prigioniero non cessa di essere un essere umano”.

Immagine rappresentativa. Foto: Tum Hufner/Unsplash

È stato in questo contesto di diritti umani che la Corte Suprema ha volontariamente aperto una procedura per ridurre il sovraffollamento delle carceri durante la pandemia e ha preso provvedimenti per rilasciare i prigionieri su cauzione provvisoria o condizionale e rilasciare i condannati che avevano completato i due terzi della loro pena. Ma le richieste di cauzione dei prigionieri politici sono state respinte.

Prigionieri politici in Kerala

Il Partito Comunista dell’India (marxista) (PCI (M)) e i suoi alleati sostengono che il Kerala è il numero 1 in tutti gli aspetti della vita rispetto agli altri stati dell’India. Ma il primo ministro Pinarayi Vijayan e il suo governo stanno imparando dal primo ministro Narendra Modi a imporre, molestandoli, l’Unlawful Activities (Prevention) Act (UAPA) a dissidenti, oppositori politici e studenti che esprimono un pensiero critico. Il verdetto nel caso maoista pantheerankavu ha chiarito che la posizione anti-UAPA del CPI (M) è ipocrita.

Nel recente passato, ci sono state diverse violazioni dei diritti umani contro i prigionieri politici in Kerala. Uno dei casi riguardava il leader maoista Roopesh. Nell’ottobre 2019, Roopesh e altri 25 accusati secondo l’UAPA hanno protestato contro la violazione dei diritti umani e costituzionali nel carcere di alta sicurezza di Viyyur, accusando le autorità carcerarie di videosorveglianza 24 ore su 24 anche nei bagni con denudazioni e perquisizioni di cavità. Roopesh ha fatto uno sciopero della fame e quando si è presentato alla corte, ha discusso da solo il caso a cui ha partecipato anche il procuratore di stato. Il tribunale della Kochi National Investigation Agency (NIA) si è pronunciato a favore di Roopesh, dando un duro colpo al governo statale e all’autorità carceraria. Il governo guidato dal CPI (M) ha fatto appello contro questo verdetto. Avendo ottenuto il permesso dal tribunale NIA di accedere a Internet nell’ottobre 2020, Roopesh ha utilizzato siti Web legali per discutere il suo caso.  Anche questo di per sé è stato un evento storico.

Rajeevan.
Rajeevan

C.K. Rajeevan, che è stato rinchiuso nella prigione centrale di Kannur con l’accusa di essere un maoista, ha fatto uno sciopero della fame nel giugno 2021 per ottenere un test del coronavirus e la possibilità di avere del sapone e altre cose utili. Ma l’autorità carceraria si vendicò. Dopo il suo sciopero, Rajeevan è stato trasferito in una prigione di massima sicurezza.

Nell’ottobre 2021, The Wire  ha pubblicato una canzone cantata da Surendra Gadling, un avvocato accusato nel caso Elgar Parishad, a cui era stata concessa la libertà su cauzione per partecipare alla cerimonia di commemorazione di suo padre. Nella canzone, Gadling dice: “Che si tratti di febbre, corona o qualsiasi altra cosa, se vai dal medico in prigione e vuoi andare in ospedale, le autorità carcerarie ti chiederanno di tornare con una ricetta”. Indipendentemente da quanto banale possa essere la questione, le autorità carcerarie complicano le cose.

A Ibrahim, 63 anni, che è stato imprigionato nel carcere di Viyyur con l’accusa di essere un maoista, sono state negate cure mediche e cauzione per sei anni. (Ora, è fuori su cauzione per motivi medici.)

Pinarayi Vijayan e il PCI (M), che hanno versato lacrime ipocrite per padre Stan Swamy, un sacerdote gesuita e attivista per i diritti tribali che è stato imprigionato nel caso Elgar Parishad ed è morto in ospedale dopo che gli è stata negata la cauzione per motivi medici, non hanno risposto a una petizione presentata dalla famiglia di Ibrahim e dagli attivisti per i diritti umani. Lo studente di giornalismo Thwaha Fasal, arrestato sotto l’UAPA, ha avuto un’esperienza simile al caso maoista pantheerankavu. Nonostante un ordine del tribunale, ha dovuto aspettare giorni per il trattamento dentale.

I prigionieri politici devono lottare anche per i diritti fondamentali all’interno delle carceri nello stesso modo in cui lottano per i diritti delle persone all’esterno.

Le carceri nella pandemia

Con l’avvento della pandemia, ci sono state restrizioni su raduni e proteste non solo in India ma in tutto il mondo. Ciò ha gravemente colpito il movimento anti-CAA e anti-National Register of Citizens (NRC) in India. La protesta a Shaheen Bagh è stata bloccata e le persone sono state messe in quarantena con la forza in nome del blocco. Approfittando di questa situazione, la polizia ha arrestato attivisti anti-CAA/NRC e li ha imprigionati. Con la scusa del virus, varie organizzazioni e politici sono stati perseguitati. Molte delle cose che il governo aveva fatto in precedenza in segreto sono state ora fatte apertamente dentro e fuori le carceri. Le persone sono state ulteriormente spinte verso la povertà. Ci sono state perdite di posti di lavoro, fame ed esodi di massa. Afflitte dal virus e senza le cure mediche adeguate, le persone sono cadute morte come mosche. Il governo non ha nemmeno fatto finta di vedere. I diritti fondamentali sono stati presentati come benevolenza. Alla polizia è stato dato tutto il potere e la pandemia è diventata una questione di legge e ordine.

Data la situazione esterna, quale sarebbe la situazione nelle carceri? Proteste e sfide da parte dei detenuti, in particolare dei prigionieri politici, hanno avuto luogo in molte prigioni in India. Oltre a quelli già incarcerati all’epoca, attivisti e studenti che hanno preso parte al movimento anti-CAA sono stati sempre più imprigionati. Conosciamo tutti bene Safoora Zargar, una studentessa attivista che è stata imprigionata mentre era in gravidanza.

Alla maggior parte dei prigionieri politici arrestati senza preavviso non è stato permesso di contattare i loro avvocati o di prendere vestiti e le cose necessarie da portare in prigione. Ai loro parenti non è stato permesso di telefonare. Le autorità carcerarie hanno cercato di rendere la loro vita carceraria un inferno vivente. Non permettendo al prigioniero Gautam Navlakha, accusato dei fatti di Elgar Parishad, di tenere i suoi occhiali e impedendo a padre Stan Swamy, un malato di Parkinson, di bere da una cannuccia, l’India, la più grande democrazia del mondo, ha dovuto chinare la testa per la vergogna.

Quando le condizioni mediche di Varavara Rao sono state critiche e gli è stato negato il trattamento e Stan Swamy è stato “assassinato in custodia” perché gli era stata negata la cauzione medica, il mondo si è reso conto degli orrori e della crudeltà del governo indiano. Tuttavia, in seguito abbiamo assistito al Papa che ha abbracciato Narendra Modi, il capo del governo indiano.

Sulla scia della pandemia, la Corte Suprema aveva emesso linee guida per gli Stati sulla questione dei prigionieri. Un comitato con alti poteri è stato incaricato di ridurre la congestione nelle carceri. Ma i prigionieri politici e altri coinvolti nei casi UAPA-NIA sono stati evitati. Inoltre, a causa della negligenza del governo, molte persone sono morte nelle carceri a causa del virus COVID-19. Secondo la Commonwealth Human Rights Initiative (CHRI), 68.264 prigionieri sono stati rilasciati dalle carceri  dopo l’epidemia. Di questi, 1.831 prigionieri rilasciati erano in Kerala. Dal 1° marzo 2021, 6.606 persone, tra prigionieri e personale delle carceri, sono state infettate dal virus. Ci sono stati 34 decessi di prigionieri legati al COVID in Kerala.

Sebbene la popolazione carceraria fosse ridotta, un gran numero di prigionieri rimase in celle anguste. La possibilità dei prigionieri di avere contatti con il mondo esterno in misura limitata attraverso la visita ai parenti e le udienze in tribunale è stata annullata dalle regole di quarantena; sono stati anche tenuti in prigione per giorni in isolamento a causa delle regole di isolamento. In questo tipo di ambiente, la negligenza criminale degli agenti che entravano e uscivano dalle carceri ogni giorno ma interagivano con i detenuti senza maschere, guanti e altri protocolli COVID, ha portato ad un aumento del numero di focolai di coronavirus nelle carceri. Inoltre, senza adeguate misure di quarantena, i nuovi prigionieri hanno portato l’infezione.

Nel giugno 2020, un totale di 1.200 prigionieri, tra cui il leader studentesco Sharjeel Imam, ha fatto uno sciopero della fame nel carcere di Guwahati in Assam, chiedendo il rilascio dell’attivista per i diritti civili Akhil Gogoi. Nel febbraio 2021, anche Ansar, Shaduli e Shibili, due prigionieri malesi nel carcere di Bhopal, hanno iniziato uno sciopero della fame per i loro diritti. Quando il dottor D. Dinesh, un dentista del Tamil Nadu, è stato portato nel carcere di Viyyur con accuse maoiste, ha chiamato Hari, un attivista per i diritti umani, e ha spiegato cosa stava succedendo, e il trattamento disumano dei prigionieri da parte del governo durante la pandemia è stato smascherato. I prigionieri che dovevano rimanere in piccole celle senza alcun contatto con il mondo esterno, in particolare i prigionieri politici, sono stati sottoposti a cinque o dieci agenti che hanno costantemente fatto irruzione nelle loro celle e toccato oggetti senza seguire i protocolli COVID. Questo sembrava essere un atto vendicativo poiché veniva ripetuto due o tre volte a settimana. In effetti, ai sensi dell’Epidemic Disease Act e del codice penale indiano, contro tali funzionari carcerari avrebbero dovuto essere aperte delle inchieste.

https://blogger.googleusercontent.com/img/a/AVvXsEhht1j_HQwmn6mJkjYYnF1mfm3vAxUOaKATwp6eEyd6nwzjispjdOwcLq68ATunTVRcIIe_2AOIemJD82rxhFuyWD4-MnX5Rc5J3mPsf2psrFJ8DNE4nx_zvOxsM-e_17fnGeW8KnJx92VvRHFjOBDefzEA6ZmD5LwsMOtt4zV12LjNXW2YE25xa4jO6Q=s643
Dott. Dinesh. Foto: Facebook

Il grande pubblico deve comprendere le condizioni che i prigionieri devono affrontare. Dobbiamo denunciare tali violazioni dei diritti umani. Quando persone come Rona Wilson, che ha combattuto per i diritti dei prigionieri politici, vengono imprigionate e organizzazioni come il Comitato per il rilascio dei prigionieri politici di cui era parte attiva sono molestate, scegliamo di tacere. Molti di noi scelgono di essere selettivi con le nostre solidarietà. Religione, casta e politica decidono la nostra coscienza. Non dobbiamo diventare così. Perché questo regime Hindutva non è selettivo. Dà la caccia a tutti coloro che si oppongono a loro. E tutti i partiti politici ne sono complici. Che si tratti del Bharatiya Janata Party, del CPI (M), del Congresso, ognuno usa le leggi sul terrorismo contro gli attivisti e perpetua queste condizioni carcerarie angoscianti. Dobbiamo parlare con convinzione e unità. Dobbiamo continuare la nostra lotta per il rilascio dei prigionieri politici e l’abrogazione delle leggi sul terrorismo come l’UAPA.

Allan Shuaib è uno studente di legge e un imputato nel caso Pantheerankavu UAPA

Informazioni su pennatagliente

Contro ogni revisionismo. Per il marxismo-leninismo-maoismo, principalmente maoismo. Per un giornalismo proletario. Viva Marx! Viva Lenin! Viva Mao Tsetung!
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.