ultimi giorni per votare il premio attila (da rete ambientalista)

E se il Papa accogliesse a messa una persona non vedente con il cane guida?

A proposito della discriminazione subita da una persona non vedente che, accompagnata dal proprio cane guida, si era vista negare l’accesso al Duomo di Torino, servirebbe un gesto eclatante dei vertici vaticani, per condannare l’accaduto e richiamare la necessità di rispettare questi diritti all’interno della Chiesa. Sarebbe bello, ad esempio, se Papa Francesco accogliesse un non vedente con il suo cane guida durante la messa (continua…)

Irrisori importi di pensioni e indennità fissati per il 2022.

Abbastanza inconsistenti le variazioni, rispetto al 2021, sia degli importi che dei limiti di reddito per quanto riguarda le pensioni, gli assegni e le
indennità erogati mensilmente agli invalidi civili, ai ciechi civili e ai sordi e i relativi limiti reddituali previsti per alcune provvidenze economiche. (continua…)

Anno Scolastico 2020-2021 e disabilità: preoccupante la fotografia dell’ISTAT.

Aumento del numero di alunni e alunne con disabilità, con una migliore partecipazione alla didattica, scarsa competenza dei docenti (curricolari e di sostegno) sui modelli inclusivi, ancora limitata accessibilità agli edifici scolastici, carenza di assistenti all’autonomia e alla comunicazione, specie nel Mezzogiorno, e crescita anche dei docenti di sostegno, inversamente proporzionale, però, alla loro formazione specifica: sono questi, in estrema sintesi, i dati principali del nuovo Rapporto ISTAT sull’inclusione scolastica degli alunni con disabilità, riferito all’Anno Scolastico 2020-2021 (continua…)

Il maltrattamento dell’anziano in RSA.

Analisi del fenomeno, strumenti per l’individuazione, strategie di prevenzione. (continua…)

Aiutaci a fermare Draghi.

Il Governo Draghi vuole aprire una nuova stagione di privatizzazioni nonostante il chiaro insegnamento della pandemia. Il Disegno di Legge per la #concorrenza, di cui si sta avviando la discussione al Senato, punta a rilanciare la cessione ai privati di tutti i servizi pubblici locali, acqua compresa.
L’art. 6 di questo provvedimento rischia di mettere una pietra tombale sull’esito referendario del 2011 cancellando la volontà popolare.  Aiutaci a fermarlo! Firma.

Nucleare e gas non sono energie rinnovabili.

E’ possibile firmare la petizione (che ha già raccolto più di 100mila firme) contro la proposta della Commissione Europea di inserire nucleare e gas nell’elenco europeo delle energie verdi, proposta che vuol dire in sostanza usare i soldi del Next Generation EU (in Italia PNRR) per queste fonti pericolose e inquinanti. Il nucleare è già stato bocciato da ben due referendum popolari in Italia (1987 e 2011). L’Europa invece  deve sviluppare fonti di energie veramente rinnovabili come eolico, fotovoltaico, geotermico, idraulico. Nucleare e gas fossile non lo sono.

Nessun sindaco vuole il deposito nucleare tranne quello di Trino.

Matteo Salvini propone un referendum per costruire nuove centrali nucleari in Italia. Nel nostro sondaggio nessuna realtà  territoriale si è dichiarata favorevole ad ospitare  un impianto. Nel contempo  nessuno dei sindaci dei cento comuni individuati dal governo come idonei  e sicuri  si dice disponibile ad ospitare il deposito unico nazionale delle scorie radioattive del nucleare pregresso. Trino non era tra quei cento sventurati, eppure -primo paradosso-  è proprio il sindaco di Trino ad offrire l’ospitalità del proprio territorio. Il secondo paradosso è che a Trino c’è già un consistente deposito ex centrale nucleare, pericoloso e inidoneo, proprio uno di quelli che dovrebbero essere bonificati e trasferiti nell’ultrasicuro deposito nazionale. A questo punto Trino è candidato sia ad accogliere il vecchio che il nuovo nucleare. Una pioggia di miliardi. Si presume in accordo con Salvini. Daniele Pane deve proprio la sua fulminea carriera alla Lega. Delle due l’una: o Salvini realmente pensa di non perdere il terzo referendum nucleare, oppure a Pane è stata promessa adeguata  compensazione  in vista della mancata rielezione a sindaco.

No iscorias.

Nella scacchiera Europa il green è una torta con tanti avvoltoi senza scrupoli. In Sardegna…

Contro la riforma pro-sanità privata della Lombardia.

La Regione Lombardia ha approvato una legge sanitaria che conferma quella politica di trasformazione della salute in merce che ha contribuito in modo determinante  alle enormi difficoltà di prevenzione e risposta alla pandemia in  Lombardia , anzi, utilizzando i fondi previsti dal PNRR, che apre ulteriormente alla gestione privata anche delle Case della Comunità e Ospedali di Comunità. Si oppone il Coordinamento regionale per il diritto alla salute. 

SOS Salute Pubblica Liguria.

La Regione Liguria e il suo Servizio Sanitario hanno dato un chiaro esempio di questo processo di riduzione di risorse al Servizio Sanitario pubblico (a partire dal personale), privatizzazioni di funzioni e addirittura di interi plessi ospedalieri, decisionismo tecnico, affidato a c.d. manager, che taglia in radice la partecipazione e il confronto politico sulle scelte. Leggi  il programma di lotta della neonata Rete ligure SOS Salute Pubblica Liguria.

Rete Genova 2021 verso il Forum della Convergenza dei Movimenti.

Dopo la seduta plenaria del  12 gennaio, sul percorso verso il Forum della Convergenza dei Movimenti Sociali la riunione con gli aderenti alla rete Genova 2021  si terrà il 19 gennaio 2022 ore 18:00 a questo link: https://us02web.zoom.us/j/88141035171?pwd=RVJZelFCWUkyanlyRDNYRVgzUHpqQT09 ID riunione: 881 4103 5171 Passcode: 021942

Accendiamo insieme il nuovo Planetario di Genova.

Aiutateci a continuare a farvi sognare!!! Accendiamo insieme il nuovo Planetario  di Genova. . Per contribuire al completamento della struttura: clicca qui

Studio OMS contro studio Ilva.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha realizzato uno studio sull’impatto sanitario dell’Ilva di Taranto che conferma la validità delle Valutazioni di Danno Sanitario e dunque  smentisce “Acciaierie di Italia” che ha invece inviato al MITE una relazione volta a contestare, dal punto di vista della metodologia scientifica, la validità delle valutazioni danno sanitario fin qui effettuate, le quali acclarano per le emissioni dello stabilimento ILVA un rischio cancerogeno inaccettabile anche con autorizzazione AIA a 6 milioni di tonnellate/anno di acciaio. 

Superati i livelli di guardia nelle acque sotterranee di Cremona.

Tante denunce dai cittadini. Gli enti sapevano dal 2013.

Fanghi tossici e cancerogeni nel piatto.

I fanghi da depurazione che vengono riutilizzati come fertilizzanti per l’agricoltura presentano sostanze microbiologiche e chimiche tossiche o potenzialmente cancerogene. Il video con la direttrice scientifica dell’Istituto Ramazzini di Bologna, Fiorella Belpoggi.

Le acque di Milano sono intossicate dai Pfas della Solvay.

Dall’ Arpa Lombardia la conferma per il C6O4.

Non esistono tecnologie di smaltimento del pfas C6O4.

Dunque, secondo tutte le Arpa, nei territori veneti, piemontesi e lombardi  i Pfas C6O4 scorrono nei corsi d’acqua, nelle acque sotterranee e nelle falde. Attualmente è imputata la Solvay, che a Bollate ha gli impianti di ricerca per la tossica e cancerogena sostanza, e a Spinetta Marengo la produce scaricandola fino al Po. Ssi è posto dunque il problema di chiudere gli impianti autorizzati dalla Provincia di Alessandria, ma anche l’altro grande  scoglio riguarda lo smaltimento dei Pfas: praticamente impossibile al momento. Laura Valsecchi, ricercatrice del CNR, è  chiara“Il C6O4, non dovrebbe essere prodotto visto che non esistono tecnologie di smaltimento”. Insomma, si tratta di un problema gravissimo e urgente per la salute degli italiani oltre che per l’ambiente. Ancora una volta multinazionali come la Solvay continuano ad arricchirsi mettendo a rischio interi territori. E governo e istituzioni locali non intervengono, quando non sono addirittura complici.

Pfas vietati nelle gare di sci.

Da questa stagione  prodotti contenenti PFAS  sono assolutamente vietati negli eventi della Coppa del Mondo, sia nelle competizioni della FIS che in quelle dell’IBU.

Il Bisfenolo passa nella placenta e raggiunge il cervello del feto.

Uno studio degli scienziati dell’Università del Missouri ha dimostrato che la trasmissione diretta del bisfenolo A (BPA) da una madre al suo bambino in via di sviluppo, attraverso la placenta, al pari dei Pfas può  avere un impatto negativo sullo sviluppo cerebrale del feto e conseguenze dannose sulla salute più avanti nella vita: disturbi neurologici, disturbi neurocomportamentalidiabeteobesità e varie carenze riproduttive. Abbiamo denunciato in magistratura il bisfenolo della Solvay di Spinetta Marengo.

Amnesty International rilancia la campagna per la chiusura di Guantanamo.

Trasferimenti segreti, interrogatori in regime di isolamento, torture, alimentazione forzata durante gli scioperi della fame, sparizioni forzate. Questo è quello che perpetuano da 20 anni le autorità degli Stati Uniti. Dal 2002 sono state 780 le persone imprigionate come sospetti terroristi, con totale diniego del diritto a un giusto processo, al punto che le stesse commissioni militari hanno prodotto appena 8 condanne, per le altre 772 è stata mera tortura.  

Festival del libro per la Pace e la Nonviolenza.

Quattro giorni di presentazioni di libri, incontri, film, workshops stands a cura di numerose realtà italiane (e non solo) per aprire dialoghi e confronti su diritti, Mediterraneo e migranti, Obiezione di Coscienza, disarmo nucleare, educazione alla nonviolenza, cultura di pace. 

 Premio Attila 2021

Ad imperitura memoria dei nostri figli peggiori

Sotto il patrocinio del Movimento di lotta per la salute Maccacaro

Mentre proseguono le votazioni per il Premio Attila 2021, azzardiamo una ipotesi per il 2022. Ipotesi che deriva dal fatto che molti voti sono attribuiti a personalità locali: non conosciute a livello nazionale ma assai famigerate nel loro ambito territoriale (esemplare il Veneto). L’idea è istituire anche Premi Attila ai livelli locali. Verifichiamo se ci  sono associazioni e/o comitati disponibili a intraprendere questa disponibilità per il prossimo anno.

Per quanto riguarda il 2021, rammentiamo che il termine ultimo per i due voti (uno per l’Ambiente e l’altro per la Pace) è il 24 gennaio 2022, tramite  movimentodilottaperlasalute@reteambientalista.it ; movimentolotta.maccacaro@gmail.com ;  e SMS  34701826. 

La “Rassegna dei Premi Attila dal 2004” è sempre disponibile a chi ne fa richiesta a movimentolotta.maccacaro@gmail.com

All’elenco già pubblicato dei più votati (sempre in ordine alfabetico): aggiungiamo Giampaolo Bottacin, Legambiente Veneto, Regione Veneto, Roberto Speranza, Tav Valsusa, Chicco Testa, Luca Zaia,  W.T.E. (azienda). 

Informazioni su pennatagliente

Contro ogni revisionismo. Per il marxismo-leninismo-maoismo, principalmente maoismo. Per un giornalismo proletario. Viva Marx! Viva Lenin! Viva Mao Tsetung!
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.