i portuali usb di alcuni porti italiani si smarcano dalle posizioni no vax, e dal clpt di trieste, e indicono uno sciopero per il 25-26 ottobre a genova (da slai cobas sc)

Riportiamo sotto il comunicato coord Usb porti e sottolineiamo – in grassetto – le cose che condividiamo

Nello stesso tempo non è purtroppo vero che questa iniziativa porta la chiarezza di classe necessaria sulla questione – non troviamo una parola sulla vaccinazione di massa dei lavoratori come necessità a difesa della salute e sicurezza collettiva dei lavoratori, né che il modo migliore per assicurarla e che il governo si assuma la responsabilità di un provvedimento che la renda obbligatoria mentre invece che vaccini per tutti, si chiedono tamponi per tutti anche per i vaccinati che sono la grande maggioranza dei lavoratori portuali – 

così come nella giusta richiesta di una postazione sanitaria ad hoc – non si dice che questa postazione deve essere una postazione anche per  incentivare e facilitare la vaccinazione di tutti i lavoratori che non lo abbiano fatto.

Senza queste cose lo sciopero è monco ed è tuttora con due piedi in due staffe mentre è necessario e urgente nell’interesse della maggioranza dei lavoratori portuali e nell’interesse di classe generale che si vada oltre

Slai cobas per il sindacato di classe – coordinamento nazionale

info/contatti slaicobasta@gmail.com 23 ottobre 2021

Taranto nella zona porto varco est e zona industriale Acciaierie Italia/appalto

I portuali fanno chiarezza. Da lunedi sciopero a Genova per la sicurezza

da Contropiano

Il coordinamento dei portuali Usb di Genova, Livorno, Trieste, Civitavecchia e Taranto scrive

Non ci stiamo alle strumentalizzazioni che questa categoria sta subendo a causa del parallelismo con movimenti che nulla hanno a che vedere con la difesa del diritto al lavoro ed alla salute e sicurezza nelle aziende” scrive in una nota il coordinamento nazionale dei portuali iscritti all’Usb.

La nostra richiesta non potrà mai essere quella di “togliere tutto” perché non siamo d’accordo, nè mai lo saremo, con quelli che negano l’esistenza del virus e l’esigenza di contrastarlo con gli strumenti che ci sono dati. I portuali sono però contrari al green-pass perché è una misura divisiva, di scarico di responsabilità nei confronti dei lavoratori e che nulla a che fare con la salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro” Il coordinamento dei portuali Usb attacca anche il CLPT di Trieste, “che oggi cerca di prendere le distanze da una piazza che loro stessi hanno contribuito a determinare, ha screditato le lotte di tutti i portuali d’Italia con le sue scelte, permettendo che una lotta legittima – quella sulla questione del greenpass nei luoghi di lavoro – si trasformasse in calderone ingestibile di posizioni negazioniste e complottiste e permettendo a personaggi ambigui ed in cerca di notorietà di infangare la categoria”.

“L’attacco che sta lanciando il Governo va però oltre – spiega il coordinamento cercando di riportare la questione diritti a questioni un po’ più ampia – colpisce le pensioni, il fisco, le tutele sociali ed il salario. Oltre alla questione del greenpass va rimessa al centro una battaglia complessiva dei diritti dei cittadini e dei lavoratori che tenga assieme tutti”.

Il primo appuntamento è quello dello sciopero dei portuali di Genova proclamato per il 25 e 26 ottobre. “Con l’entrata in vigore del decreto legge 127/2021 che prevede l’obbligo di Green Pass sui luoghi di lavoro viene discriminata la classe lavoratrice, ulteriormente divisa nonché privata del reddito, delle tutele contrattuali e della privacy. Pertanto Usb Porto – si legge in una nota – indice lo sciopero di 48 ore per denunciare la gravità dell’applicazione di questa misura”.

“Esigiamo – continua la nota – che vengano garantiti tamponi antigenici (rapidi) per tutti i lavoratori vaccinati e non, su tutti i posti di lavoro e interamente a carico delle aziende come previsto nella legge 81/2008. Inoltre il servizio di screening messo a disposizione dalle aziende dovrà trovarsi in prossimità del luogo di lavoro al fine di evitare penalizzazioni logistiche e temporali ai lavoratori stessi, compresi i soggetti terzi (quali trasportatori etc..). Dovranno essere garantiti anche tutti i Dpi ai lavoratori e la sanificazione delle aree. L’appuntamento per l’inizio dello sciopero di 48 ore è presso il varco Albertazzi lunedì 25 ottobre dalle ore 6”.

Informazioni su pennatagliente

Contro ogni revisionismo. Per il marxismo-leninismo-maoismo, principalmente maoismo. Per un giornalismo proletario. Viva Marx! Viva Lenin! Viva Mao Tsetung!
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.