roma. fasci e lega al microfono dei “cobas confederazione” (da slai cobas sc)

(Da una informazione di un lavoratore della scuola – OGNI COMMENTO E’ SUPERFLUO…)

Venerdì scorso, il 26 marzo, giorno dello sciopero della scuola, ai microfoni della Confederazione dei Cobas davanti a Montecitorio hanno parlato anche due deputate di destra, rispettivamente della Lega e di Fratelli d’Italia. Quest’ultima, Paola Frassinetti, vice presidente della Commissione cultura della Camera, ha rivendicato pubblicamente il suo intervento alla manifestazione dei lavoratori della scuola.

È da ritenersi grave che gli organizzatori, Confederazione dei Cobas e Priorità alla scuola, abbiano consentito questa incursione neofascista in una piazza di lavoratori.

I responsabili si giustificano dicendo che l’invito era rivolto alla totalità dei politici, ma che solo due deputati lo avrebbero raccolto, appunto un esponente della Lega e un altro di Fratelli d’Italia. Insomma, non sarebbe stato possibile negargli la parola dopo averli invitati… Riportare alla memoria un fatto puoi aiutare a capire meglio che non può darsi una vera lotta autorganizzata se  l’obiettivo del sindacato è essere riconosciuti dal palazzo. 
Roma, 7 luglio 2015, via Cesare Battisti, altezza Piazza Santi Apostoli, il responsabile Cobas trova il coraggio, stavolta sì, di togliere a qualcuno la parola, ma non si tratta di deputati, bensì di lavoratori in lotta che protestavano contro la Legge 107 di Renzi. 

I manifestanti, autorganizzandosi, bloccarono la strada per protestare e riunirsi in assemblea all’aperto, ma il responsabile Cobas, per  dissociarsi da loro, di fronte alle pressioni della polizia, li privó del microfono e li invitò ad andare via. Alcuni tra i collaboratori di quest’ultimo insultarono i manifestanti più attivi. La stessa cosa fece il capetto Cgil, che insieme ai Cobas gestiva la piazza. Poi fu il momento degli Autoconvocati della scuola (Cgil), che tentarono di strappare a forza il megafono dalle mani dei manifestanti. Alla fine venne il turno della polizia, puntuale come sempre, disperse i manifestanti a spinte, ne fermò e ne identificó alcuni. Retourn a la normale…   

Il 26 marzo 2021 è stato dato spazio nella piazza degli scioperanti a due nemici della scuola e dei lavoratori. I professionisti del buon senso trovano non contraddittorio far parlare i deputati e tappare la bocca ai lavoratori…

Informazioni su pennatagliente

Contro ogni revisionismo. Per il marxismo-leninismo-maoismo, principalmente maoismo. Per un giornalismo proletario. Viva Marx! Viva Lenin! Viva Mao Tsetung!
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.