i 49 milioni della lega trafugati come “spezzatino” (da proletari comunisti)

I soldi della truffa al Parlamento spariti da Banca Aletti di Genova e trasferiti sui conti lombardi ma cancellate alcune operazioni dal computer sequestrato al deputato del Carroccio Boniardi
I 49 milioni di euro, provento della truffa messa in atto dalla Lega Nord ai danni del Parlamento, sarebbero usciti dal conto della banca genovese Aletti sotto forma di spezzatino: svuotato il conto, una serie di tranche sarebbero finite su altri sportelli bancari lombardi, anche alla Sparkasse di Bolzano e da questa a conti svizzeri e lussemburghesi. Tanto che la Procura di Genova, titolare dell’inchiesta, ha messo sotto osservazione ben 30 operazioni sospette, tutte di valore superiore ai 50mila euro. Fra queste, c’è il versamento di circa 450mila euro alla tipografia del parlamentare leghista Massimo Boniardi, perquisita l’altro ieri dai militari del Nucleo di Polizia Economico- Finanziaria di Genova.
Le Fiamme Gialle sono tornate a Milano dopo otto mesi: una volta ottenuta l’autorizzazione a procedere da parte del Parlamento. Boniardi, infatti, lo scorso dicembre, durante la prima perquisizione, aveva eccepito il domicilio presso la sede della Boniardi Grafiche Srl (posseduta al 25% dal deputato). Ed a quanto pare, nell’ambito della prima ricognizione sul server del computer sequestrato l’altro ieri, sarebbero state cancellate alcune cose. Secondo quanto trapela da Palazzo di Giustizia, potrebbero essere i bonifici ipotizzati nell’inchiesta del procuratore aggiunto Francesco Pinto e del sostituto Paola Calleri. I medesimi movimenti occulti di denaro raccontati da Marco Tizzoni, ex consigliere regionale del Carroccio in Lombardia. È stato lui, da testimone, a confessare i suoi sospetti su quel bonifico fatto dalla Lega nel 2014 dal conto di Banca Aletti ( gestito dall’ex tesoriere genovese Francesco Balsito) all’Associazione Maroni Presidente nei giorni della campagna elettorale per le regionali in Lombardia.

Secondo la ricostruzione degli investigatori parte dei 49 milioni di euro sarebbero spariti in questo modo: attraverso bonifici “fantasma” a società, associazioni e fondazioni. Per poi tornare nelle casse della Lega in contanti, con il consolidato sistema della doppia fatturazione: da una parte le operazioni lecite per il partito della Lega, dall’altra quelle parallele e fasulle a enti vari. Unapartita di giro. E in questo contesto alla Boniardi Grafiche sarebbe stata versata la somma di 450 mila euro per stampare manifesti per la campagna elettorale. Pubblicità dei candidati che però il grande accusatore Tizzoni non avrebbe mai visto sui muri di Milano. L’ex consigliere regionale avrebbe chiesto conto dei bilanci, ma non ha mai ricevuto risposta.
Peraltro, chissà per quale oscura ragione l’Associazione Maroni Presidente in quegli anni cambia nome: da “Lombardia in testa” a “Lombardia Speciale”, infine “Autonomia per Fontana presidente”. In questi passaggi ha avuto come presidente Stefano Bruno Galli, indagato per riciclaggio, ma non ancora interrogato dai pm, tantomeno dalla Guardia di Finanza. Attenzione: Galli è l’attuale assessore regionale all’Autonomia e alla Cultura della giunta di Attilio Fontana.

“La tranche alla Boniardi Grafiche è uno dei tanti snodi possibili per ripulire il denaro della truffa e farlo tornare nelle casse del Carroccio”, dice una qualificata fonte investigativa. Come gli investimenti in Svizzera attraverso un conto lussemburghese da parte della Sparkasse di Bolzano. E poi il rientro in Italia del soldi “puliti”, sui quali la magistratura e le Fiamme Gialle lavorano da mesi e per i quali è stata chiesta la rogatoria internazionale. La documentazione è arrivata a Genova da poco ed è al vaglio degli inquirenti. Sotto esame i periodi in cui segretari e tesorieri del Carroccio erano prima Umberto Bossi e Belsito, poi Bobo Maroni e Stefano Stefani, infine Salvini e Giulio Centemero.

Informazioni su pennatagliente

Contro ogni revisionismo. Per il marxismo-leninismo-maoismo, principalmente maoismo. Per un giornalismo proletario. Viva Marx! Viva Lenin! Viva Mao Tsetung!
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.