in libano le masse ancora in rivolta contro banche e governo affamapopolo, contro lo stato d’emergenza per il coronavirus (da proletari comunisti)

E’ lo scenario che attende tutto il sistema imperialista in crisi!

Rivolte in Libano contro il caroprezzi e contro le banche che da mesi stanno impedendo il prelievo di contanti. Violato il coprifuoco per il coronavirus. Lo stato d’emergenza ha peggiorato la condizione delle masse, già impoverite prima dell’emergenza sanitaria, con la perdita ulteriore di decine di migliaia di posti di lavoro.

A gennaio scorso c’era già stata una “settimana di rabbia” contro il governo e i banchieri, con centinaia di feriti e arrestati.
Ieri un giovane è stato ucciso dai militari a Tripoli, città a nord. Banche e mezzi della polizia dati alle fiamme, militari presi a colpi di pietre. Proteste minori sono scoppiate anche altrove in Libano, incluso nel centro di Beirut, dove centinaia di manifestanti si sono radunati martedì sera.
Le proteste si sono intensificate lunedì quando il Libano ha iniziato ad allentare un blocco di una settimana per limitare la diffusione della pandemia di coronavirus nel paese, che finora ha riportato 717 casi e 24 morti.
“Quello che vedi è il risultato di problemi accumulati. Abbiamo avuto una rivoluzione, le persone hanno sofferto, poi è arrivata il coronavirus e le persone sono state rinchiuse nelle loro case per un mese e mezzo senza che lo stato assicurasse cibo e bevande o qualsiasi altra cosa per loro”, ha dichiarato il manifestante Abdelaziz Sarkousi, 47 anni. “Ora abbiamo raggiunto uno stato in cui sfortunatamente non puoi più controllare le persone. Le persone hanno fame!”.
I manifestanti hanno assaltato le filiali di Beirut e Tripoli di Banque Libano-Française, Fransbank, Bank of Beirut, così come gli uffici dell’Associazione delle Banche del Libano, distruggendo le facciate degli edifici e gli Atm.
Il Governo di Hassan Diab, Primo Ministro da gennaio 2020, legato alle ali pro-siriane e pro-Hezbollah della classe dominante, punta il dito contro il Governatore della Banca Centrale, Riad Salameh: secondo il Primo Ministro, ha agevolato la svalutazione della moneta e il deterioramento del tasso di cambio della lira, causandone il crollo.
Le banche in Libano sono i maggiori finanziatori statali. Il settore finanziario parassitario è una componente chiave del capitalismo libanese e le masse sono profondamente consapevoli della sua relazione intima con l’odiata élite politica.

Informazioni su pennatagliente

Contro ogni revisionismo. Per il marxismo-leninismo-maoismo, principalmente maoismo. Per un giornalismo proletario. Viva Marx! Viva Lenin! Viva Mao Tsetung!
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.