nel servizio pubblico non ci si può comportare così

Alle ore 15:30 di giovedì ventidue novembre, l’emittente televisiva pubblica Rai News 24 manda in onda la trasmissione “Newsroom Italia”, condotta dal sedicente giornalista romano Paolo Poggio.

Ospiti di questo spazio – nel corso del quale ci si occupa, per l’occasione, di elezioni europee e futuro dei partiti parlamentari attualmente esistenti – sono: Giorgio Zanchini, della trasmissione radiofonica “Radio Anch’Io”, e Sara Menafra, cronista del quotidiano romano Il Messaggero.

I contenuti della discussione sono sostanzialmente condivisibili; almeno fino a quando il contraddittorio non si focalizza sui destini delle formazioni di “sinistra”: in quel momento accade un qualcosa che si può definire soltanto come inaccettabile.

Una emittente pubblica, in qanto tale, dovrebbe avere “anchormen” in grado di mantenere un atteggiamento “british”: che il conduttore denigri apertamente una parte politica, definendola “cosa poco seria”, facendosi anche scappare una risatina divertita, è a dir poco scandaloso.

Un “signore” del genere non dovrebbe più mettere piede negli studi della Radio Televisione Italiana, che viene finanziata da tutti gli italiani – compresi quelli da lui canzonati – tramite la tassa di possesso dell’apparecchio televisivo.

Informazioni su pennatagliente

Contro ogni revisionismo. Per il marxismo-leninismo-maoismo, principalmente maoismo. Per un giornalismo proletario. Viva Marx! Viva Lenin! Viva Mao Tsetung!
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.