una giusta denuncia dell’osservatorio di bologna (da slai cobas sc)

“Pasqua di Resurrezione”: i 149 lavoratori morti sui LUOGHI DI LAVORO dall’inizio dell’anno non resusciteranno.

Il reale numero di morti sul lavoro senza trucchi

la scultura “cristo operaio” è del 1987

1° aprile. Report morti sui LUOGHI DI LAVORO (escluso itinere e morti sulle strade che sono almeno altrettanti ogni anno) nei primi tre mesi del 2018. I morti sui luoghi di lavoro sono stati 149, rispetto ai 133 dello stesso periodo del 2017 registriamo un aumento del 10,7% rispetto ai primi tre mesi del 2017. I morti schiacciati dal trattore sono stai ben 15 e con l’arrivo del bel tempo le vittime provocate da questo mezzo aumenteranno spaventosamente. Ci sono state nel 2018 già due morti multiple: i Vigili del Fuoco di Catania e dei due lavoratori nel Porto di Livorno. Ce ne saranno ancora: ogni anno sono dalle 4 alle sei le morti per infortuni che coinvolgono diversi lavoratori. Con 20 morti è il Veneto la Regione con più morti sul lavoro, e questa Regione che ci dicono sia guidata bene è sempre ai vertici di questa triste classifica, segue la Lombardia con 17, il Piemonte con 12, Campania e Toscana con 10. È Milano, con 8 morti la provincia con più morti sul lavoro, seguono due province venete, Treviso e Verona con 7 morti.  Ho fondato l’Osservatorio Indipendente di Bologna morti sul lavoro il 1° gennaio 2008, a seguito della tragedia della Thyssenkrupp di Torino, dopo 40 anni di lavoro in Fabbrica, e non mi arrenderò fino a quando la vita di chi lavora non sarà rispettata e protetta come una cosa preziosa, come dovrebbe essere in un Paese civile. L’indifferenza vista in questi anni dalla politica e dalla classe dirigente italiana è stata spaventosa.

Quelli come me mica si arrendono, sono sannita di nascita: testardi abbiamo combattuto duecento anni contro i romani per difendere la nostra libertà, mica ci spaventano altri anni di impegno per cose giuste e civili. In più sono cresciuto a Bologna, una città che è stata culla della sinistra in Italia e dei diritti dei lavoratori per decenni. Continueremo a denunciare, chiunque governerà questo paese. Grazie agli oltre diecimila visitatori del blog di questi ultimi giorni. E al 1500000 che l’hanno visitato in questi anni.  Per approfondimenti

Osservatorio Indipendente di Bologna morti sul lavoro

http://cadutisullavoro.blogspot.it

Informazioni su pennatagliente

Contro ogni revisionismo. Per il marxismo-leninismo-maoismo, principalmente maoismo. Per un giornalismo proletario. Viva Marx! Viva Lenin! Viva Mao Tsetung!
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Una risposta a una giusta denuncia dell’osservatorio di bologna (da slai cobas sc)

  1. Pingback: Nonostante la pioggia battente | lacero-confuso

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.