una vita passata nelle fogne… e persevera

La notizia politica di mercoledì quindici novembre, almeno a livello ligure, è che l’ex consigliere regionale Vincenzo Gianni Plinio detto Gianni – storico esponente delle varie trasformazioni subite dal Movimento Sociale Italiano-Destra Nazionale fino a Fratelli d’Italia, di cui è coordinatore regionale – abbandona la forza guidata nazionalmente da Giorgia Meloni ed approda nelle file di Casapound.

Chi scrive riconosce al personaggio come unica virtù, sempre che la si possa definire tale, la capacità retorica; non solo in italiano – proprietà non comune, ma di certo non sbalorditiva – ma persino in latino: ne sono testimoni coloro che hanno assistito alla sua pérformance, qualche anno fa nell’aula del Consiglio regionale, nella quale fece un intervento, durato circa sessantacinque minuti, nella lingua di Marco Tullio Cicerone.

Detto questo, l’assai poco “signore” in questione rappresenta tutto ciò che chi scrive aborre senza alcuna possibilità di ripensamento: sorvolando sulla squadra di calcio di cui egli è tifoso – in questo in compagnia dell’appena esonerato commissario tecnico della nazionale maggiore – sono i suoi trascorsi politici a rendere questo nipotino del Puzzone un essere insopportabile.

Per decenni ha frequentato gli stessi ambienti del senatore Giorgio Bornacin – altro personaggio dal quale chi scrive si dissocia in toto, soprattutto per le sue stravaganti abitudini in occasione delle campagne elettorali, di cui chi volesse saperne di più può contattare la Redazione – e con lo stesso si è adoperato alacremente per far intitolare una strada a Ugo Venturini, un fascista ucciso da una bottigliata nel 1970 mentre seguiva un comizio del boia Giorgio Almirante.

Mentre il senatore omegnese – cresciuto però nel lussuoso quartiere genovese di Albaro – si è rifugiato nelle file forzitaliote, travestendosi da sincero democratico, questo assai poco “signore” continua a frequentare le fogne fasciste, fino ad approdare alla corte dei “fascisti del terzo millennio” con i quali – sono parole sue – condivide «gli ideali di una vita», ossia i peggiori disvalori che albergano in Italia da un secolo a questa parte.

Informazioni su pennatagliente

Contro ogni revisionismo. Per il marxismo-leninismo-maoismo, principalmente maoismo. Per un giornalismo proletario. Viva Marx! Viva Lenin! Viva Mao Tsetung!
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Una risposta a una vita passata nelle fogne… e persevera

  1. Pingback: I risoluti | lacero-confuso

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.