corrispondenze dalla tunisia. il moderno fascista e ministro dell’interno minniti in tunisia per incontro inter-ministeriale anti-migranti (da tunisie résistant)

Incontrerà i suoi omologhi “della stessa pasta” tra cui il collega algerino, paese che recentemente si è contraddistinto per la politica di espulsioni e chiusura delle frontiere così come anche saranno presenti gli omologhi da Austria, Malta e Francia, paesi in cui si attuano politiche simili contro i migranti.
Sarà presente anche il rappresentante libico (evidentemente il rappresentante del governo internazionalmente riconosciuto, uno dei 3 governi libici), paese in cui i migranti vengono torturati, reclusi e uccisi dagli aguzzini libici legati più o meno direttamente a uno dei 3 governi.
Sarà presente anche il rappresentante egiziano del regime del boia al Sisi che non ha bisogno di presentazioni con le mani ancora grondanti di sangue di tutti gli oppositori politici e del “nostro” giovane compagno Giulio Regeni.
La stessa Tunisia recentemente si è distinta per aver sgomberato all’alba senza preavviso il campo profughi di Chiucha perseguendo i migranti e i solidali internazionali.
Insomma il moderno fascista nostrano e in buona compagnia…
Torneremo successivamente, dopo la chiusura di questo vertice, nell’analisi già iniziata circa le politiche repressive sulle migrazioni della Fortezza Europa che, come abbiamo detto, sposta i propri confini sempre più a Sud.
Riportiamo la notizia apparsa su un’agenzia stampa borghese:
Immigrazione: Minniti a Tunisi per incontro ministeriale su rotta Mediterraneo centrale
Roma, 24 lug 08:48 – (Agenzia Nova) – Il ministro dell’Interno Marco Minniti si reca oggi in Tunisia per la seconda riunione ministeriale sulla rotta del Mediterraneo centrale. All’incontro prenderanno parte i ministri dell’Interno dell’Algeria, Austria, Ciad, Egitto, Francia, Germania, Libia, Mali, Malta, Niger, Slovenia, Svizzera e Tunisia, con l’aggiunta dell’Estonia che detiene la presidenza di turno dell’Ue e il commissario europeo per la Migrazione e gli affari interni, Dimitris Avramopoulos. Le discussioni si concentreranno sui modi per rafforzare la cooperazione tra le due sponde del Mediterraneo, così come tra la Libia e i suoi paesi vicini, nell’ottica di salvare vite in mare e nel deserto, arginare l’immigrazione irregolare, combattere i trafficanti di esseri umani, proteggere i diritti dei migranti e dei rifugiati, oltre che per potenziare la cooperazione nella gestione delle frontiere lungo la rotta del Mediterraneo centrale.
Annunci

Informazioni su pennatagliente

Contro ogni revisionismo. Per il marxismo-leninismo-maoismo, principalmente maoismo. Per un giornalismo proletario. Viva Marx! Viva Lenin! Viva Mao Tsetung!
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...