la direzione investigativa antimafia fa visita al cantiere del terzo valico di arquata (da notavterzovalico)

Dopo i numerosissimi scandali che avevano travolto il consorzio Cociv avevano spergiurato che le infiltrazioni della criminalità organizzata all’interno dei cantieri del Terzo Valico non si sarebbero più verificate. Avevano promesso con la nomina del Commissario Rettighieri un cambio di passo e Iolanda Romano aveva affermato in più di una occasione che i cantieri erano ormai stati puliti dalla presenza delle ditte in odore di ‘ndarngheta e camorra.

Eppure, nonostante questa sequela di parole al vento, questa mattina abbiamo dovuto diffondere la notizia di quanto stava avvenendo a Moriassi.

E poco dopo ci è anche arrivata una bella foto che abbiamo sempre pubblicato in rete con un commento tanto sintetico quanto calzante.

La conferma a quanto da noi diffuso è arrivata direttamente dal Cociv che ha rilasciato un comunicato stampa davvero esilarante secondo cui la presenza della criminalità organizzata nei loro cantieri dimostrerebbe la discontinuità col passato. Qualcuno consigli alla Media Relations Cociv Carmen Cecchini uno specialista bravo, ma bravo per davvero.

Il comunicato del Cociv:

Arquata Scrivia, 13 luglio 2017 – Cociv, General Contractor per la progettazione e realizzazione del Terzo Valico, prosegue con attività che confermano la discontinuità con il passato: oggi le forze dell’ordine sono arrivate nel cantiere di Moriassi in un’azione volta a prevenire la presenza di infiltrazioni di organizzazioni malavitose. Il Consorzio collabora con la Prefettura di Alessandria per aiutare il territorio ad allontanare eventuali società o individui che possano presentare criticità con le Autorità competenti. Dopo le vicende dell’ottobre scorso, il Consorzio aveva provveduto immediatamente a nominare i nuovi vertici e a ridefinire i processi e le procedura interne, oltre come richiesto dal nuovo Codice degli Appalti, attribuire la Direzione Lavori direttamente alla società committente Rete Ferroviaria Italiana (RFI). Tutti i monitoraggi effettuati dalle autorità competenti e le ulteriori verifiche sulla qualità delle opere eseguite hanno confermato che i lavori stanno proseguendo con la massima tutela dei lavoratori e del territorio e in corrispondenza ai requisiti prestazionali di progetto e di legge. Infine la pubblicazione negli ultimi 3 mesi di bandi per un valore di oltre 730 milioni di euro sono ulteriore dimostrazione di garanzia della prosecuzione dei lavori a salvaguardia dei posti di lavoro delle maestranze, dei tecnici impegnati nei cantieri e dell’operatività delle società che direttamente e indirettamente stanno contribuendo alla realizzazione.

Per ulteriori informazioni: Media Relations COCIV Carmen Cecchini Tel. +39 346 3019009 e-mail: carmen.cecchini@cociv.it

Per il momento non ne sappiamo molto di più e non mancheremo di approfondire la questione se ci sarà possibile farlo. Ci pare però di poter affermare con certezza che siamo davanti all’ennesimo episodio che dimostra inequivocabilmente come il Terzo Valico sia la solita cara vecchia montagna di merda per dirla con le parole a noi care di Peppino Impastato.

Annunci

Informazioni su pennatagliente

Contro ogni revisionismo. Per il marxismo-leninismo-maoismo, principalmente maoismo. Per un giornalismo proletario. Viva Marx! Viva Lenin! Viva Mao Tsetung!
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...