caro pippo, non cadere in trappola

Il Manifesto di giovedì quindici giugno riporta, a pie’ di pagina quattro, un appello – firmato da tale Gian Giacomo Migone – il cui titolo è il seguente: «Caro Civati, il 25 battiamoci per Genova».

In sostanza, l’estensore della lettera chiede a Possibile, nella persona del suo fondatore, di accodarsi ai maggiordomi del Partito Democristiano nel sostegno, al secondo turno delle elezioni amministrative genovesi, a Giovanni Antonio Crivello detto Gianni.

Tutto lo scritto è il solito ritornello del voto utile che viene sostenuto, dall’ex senatore del Partito Democratico della Sinistra e successivamente dei Democratici di Sinistra, perché la città Medaglia d’Oro della Resistenza non finisca nelle mani di Marco Bucci.

Il candidato della destra radicale «è sostenuto da tutti gli interessi socialmente privilegiati, conservatori e fintamente meritocratici della città», oltre ad essere «l’uomo scelto ed in parte imposto da Salvini e fervidamente sostenuto da Giorgia Meloni».

Potrebbe bastare questo per decidere di votare in massa per il suo avversario, che per di più «il Pd ha dovuto accettare perché indebolito da precedenti errori quali la catastrofica candidatura Paita che ha privato il centrosinistra della guida della regione Liguria».

Solo che, come abbiamo già fatto notare in sede di presentazione dei programmi dei diversi candidati, il pretendente alla poltrona di primo cittadino genovese ne ha uno che risulta di una pochezza e generalità disarmante.

E’ evidente che, qualora risultasse nominato l’ex assessore alla Protezione civile, sarebbe il partito di maggioranza relativa – che disgraziatamente è ancora il Partito Democristiano, con il 19,88 per cento dei voti validi – a dettare l’agenda al governo cittadino.

Non sappiamo se il giovane parlamentare lombardo insisterà nel suo proposito dichiarato a Daniela Preziosi del Manifesto e da questa pubblicato martedì tredici giugno: «Non do indicazioni. Il secondo turno è fatto per scegliere il candidato che ha un impatto meno devastante per la città».

Quello che ci sentiamo di suggerirgli è di non cadere nel tranello del voto utile, che è tale solo ed esclusivamente per chi da settant’anni governa la città, ed ha urgente bisogno di uno schiaffone ben assestato per abbassare la cresta.

Annunci

Informazioni su pennatagliente

Contro ogni revisionismo. Per il marxismo-leninismo-maoismo, principalmente maoismo. Per un giornalismo proletario. Viva Marx! Viva Lenin! Viva Mao Tsetung!
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...