milano, domenica 18 giugno. presentazione dell’opuscolo «sulla questione di stalin»

Sono le ore 18:30 di una domenica che per Milano risulta più frenetica del solito – in piazza del Duomo ha luogo un mega concerto che crea ulteriori problemi al traffico, oltre quelli abituali – quando, presso il Centro occupato autogestito T28 si tiene la presentazione dell’opuscolo «Sulla questione di Stalin» (edizioni La Città del Sole, pagine 31, Ero 4,00).

Ad aprire gli interventi – che, alla fine, risulteranno essere numerosi e molto ricchi di spunti dibattimentali – è la compagna Margherita Calderazzi, dirigente nazionale dell’organizzazione comunista marxista leninista maoista Proletari Comunisti, che spiega come lo scritto che viene proposto è la sintesi del pensiero del Partito Comunista Cinese, e del compagno presidente Mao Tsetung, sul compagno Stalin.

Questo imprescindibile documento esce ora – ed è un omaggio al compagno Sergio Manes, che ne aveva progettato la riedizione arricchita da una prefazione del compagno Ernesto Palatrasio, senza poterne vedere l’effettiva apparizione – per celebrare degnamente il centesimo anniversario della Rivoluzione d’Ottobre, ed il cinquantesimo della Grande Rivoluzione Culturale Proletaria in Cina.

Ora che la borghesia torna a parlare della direzione da parte del compagno Stalin dello Stato sovietico – per giudicare in modo totalmente negativo l’esperienza del socialismo realizzato nella Unione delle Repubbliche Socialiste Sovietiche – questo testo riporta il dibattito sul terreno della verità storica, evidenziando i grandi meriti del “magnifico georgiano”, ed anche i suoi limiti ed errori, sia in termini ideologici sia pratici.

L’analisi di questi aspetti del pensiero e dell’opera del compagno Stalin – che altrove i dirigenti cinesi giudicano come un settanta per cento di cose positive, contro un trenta per cento di errori, alcuni evitabili altri no – ha lo scopo di aiutare il Movimento comunista internazionale ad iniziare a liberarsi del revisionismo moderno kruscioviano e pensare alla costruzione di una società socialista che possa essere migliore di quella allora vigente in Unione Sovietica.

Annunci

Informazioni su pennatagliente

Contro ogni revisionismo. Per il marxismo-leninismo-maoismo, principalmente maoismo. Per un giornalismo proletario. Viva Marx! Viva Lenin! Viva Mao Tsetung!
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...