poletti: “non ti pago” (da slai cobas sc)

Dichiarazioni di Poletti: “…Dovremmo immaginare contratti che non abbiano come unico riferimento l’ora-lavoro”. Dopo il Jobs Act, con i contratti a tutele crescenti e la maggiore flessibilità – in entrata e uscita -, il ministro del Lavoro Giuliano Poletti mette nel mirino direttamente i contratti: “L’ora di lavoro a fronte dei cambiamenti tecnologici è un attrezzo vecchio”. Il lavoro, ha spiegato Poletti, è “un pò meno cessione di energia meccanica ad ore, ma sempre più risultato… inserire nei contratti anche altri criteri per la definizione della retribuzione che non siano solo riferimento all’ora-lavoro: l’idea sarebbe quella di misurare anche l’apporto dell’opera e quindi lavorare all’introduzione di forme di partecipazione dei lavoratori all’impresa….

Non solo il capitale paga agli operai solo una parte del loro lavoro, quello strettamente necessario a ricostruire la loro forza-lavoro da sfruttare il giorno dopo; non solo il capitale utilizzando sia lo strumento dell’allungamento puro e semplice della giornata lavorativa sia quello dell’intensificazione del lavoro con l’aumento della produttività, aumenta il tempo di lavoro in cui l’operaio lavora gratis per il profitto del capitalista;
ora il governo più padronale di tutti i tempi, e, al suo interno, il Ministro più “zerbino” degli interessi dei padroni, propone in maniera secca di liberare i capitalisti dal fastidioso vincolo dell’orario di lavoro:
il padrone – dice in sostanza Poletti – può da un lato così utilizzare la forza lavoro operaia quando e come vuole, senza i fastidiosi limiti di orari contrattuali, di numero massimo di ore straordinarie, dei vincoli su riposi giornalieri, settimanali; dall’altro può pagarlo in base al “risultato”.
E se il risultato non gli piace? NON TI PAGO…

Informazioni su pennatagliente

Contro ogni revisionismo. Per il marxismo-leninismo-maoismo, principalmente maoismo. Per un giornalismo proletario. Viva Marx! Viva Lenin! Viva Mao Tsetung!
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.