genova, giovedì 28 maggio: cominciano le chiusure delle campagne elettorali

Giovedì ventotto maggio, i partiti della ‘sinistra’ genovese concludono la loro campagna elettorale per il rinnovo del Consiglio regionale: visto che le tempistiche me lo permettono, decido di seguirle tutte e due.

Alle ore 18:30, in piazza Renato Negri, lo slargo a lato di stradone Sant’Agostino – dominato dall’enorme chiesa in stile romanico e dall’edificio che ospita il celebre museo – dove sorge il Teatro della Tosse, ha luogo la festa di fine ricerca dei voti da parte della Rete a Sinistra e del suo candidato, Luca Pastorino.

Davanti ad un pubblico di qualche centinaio di convenuti, si incontrano alcuni politicanti di grido del panorama nazionale e locale; tra di loro si notano, anche perché sono i soli partecipanti al dibattito conclusivo: l’europarlamentare Sergio Kofferati, il deputato – del gruppo Misto – Giuseppe Civati detto Pippo, ed il suo collega Stefano Quaranta di Sinistra Ecologia e Libertà.

Naturalmente tutta la manifestazione è incentrata su quanto sia bello, e buono, il sindaco di Bogliasco; per la verità non è difficile concordare sul fatto che – a confronto con tanti altri candidati – il Pastorino sia da vedersi, lo sottolinea il Kofferati nel suo intervento, come “una persona onesta, dal passato senza ombre, che coerentemente si presenta come alternativo a tutti gli altri, con i quali non farà mai alcun accordo”.

D’altra parte in questa regione si è assistito, lo ricorda il Civati, alla riedizione della figura dello “eroe dei due mondi: Gino Garibaldi; colui che prima ha fatto campagna elettorale per Raffaella Paita per poi schierarsi con Toti”.

Visto lo squallore degli altri contendenti più accreditati – la stessa assessore uscente alla Protezione civile, dopo aver accettato senza battere ciglio i voti dei fascisti alle primarie, ha imbarcato tutto il peggio della politica ligure – è gioco facile presentarsi, come fa con orgoglio il Pastorino, come quello “trasparente, che non ha amici e parenti da mantenere, e che a differenza degli altri parla di programmi, non limitandosi agli insulti”: bisogna però ammettere che, rispetto all’altro quarantenne che infesta la politica nazionale, questo appare come una persona decisamente più seria.

Dopo circa un’ora di discorsi politici, il chiacchiericcio lascia il posto al momento dedicato ai festeggiamenti veri e propri: vengono serviti ai presenti abbondanti dosi di focaccia genovese e vino bianco; ne approfitto, pertanto, per spostarmi di qualche centinaio di metri in piazza Lavagna, dove è il turno di Antonio Bruno – e della lista che ne appoggia la corsa alla presidenza della Giunta regionale, Progetto Altra Liguria – concludere le fatiche della campagna elettorale.

Qui il clima è assai diverso: non c’è nessun momento di confronto politico, ma la scena è occupata da un gruppo musicale: i Pedro Navaja Soundmachine, che propongono musica di generi diversi ma dal chiaro sapore latino americano; riscuotono un discreto – e a mio avviso più che meritato – successo, portando molti giovani a ballare sulle loro note.

Il concerto è interrotto in un paio di occasioni, per dar vita a brevissimi appelli al voto: il clima appare un po’ surreale e molto naif – nella sua prima apparizione la candidata alla quale si deve in massima parte questa serata, Silvia Parodi, esclama “se domenica non sapete per chi votare, provate a dare fiducia a questo progetto” – ma nel complesso l’atmosfera che si respira è di allegria ed ottimismo.

Infine, soltanto per non rischiare di essere poi accusato di avere volutamente trascurato la possibile chiusura dei traditori trotzkisti del Partito Comunista dei Lavoratori, segnalo che – nel primo pomeriggio – ho sentito telefonicamente il candidato Matteo Piccardi, il quale mi ha confermato che il suo gruppo non avrebbe provveduto in tal senso.

Informazioni su pennatagliente

Contro ogni revisionismo. Per il marxismo-leninismo-maoismo, principalmente maoismo. Per un giornalismo proletario. Viva Marx! Viva Lenin! Viva Mao Tsetung!
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.