“con il contratto a termine si legalizza il ricatto padronale” (da proletari comunisti)

“CON IL CONTRATTO A TERMINE SI LEGALIZZA IL RICATTO PADRONALE”
“Il parlamento nel maggio 2014 ha convertito in legge il decreto-legge n. 34 intitolato “Disposizioni urgenti per favorire il rilancio dell’occupazione e per la semplificazione degli adempimenti a carico delle aziende”.
La nuova disciplina del contratto termine prevede:
1) Il contratto di lavoro a tempo determinato, finora consentito fino a 12 mesi, può, a discrezione dell’imprenditore, ampliare la durata di 36 mesi senza necessità di giustificazioni (acausalità) di ordine tecnico-produttivo o organizzativo.
2) Il contratto, nell’ambito della durata di 36 mesi, può essere rinnovato per 5 volte (8 volte nel testo originario).
3) Il numero dei contratti a termine non può superare il 20% del totale complessivo dei dipendenti di una azienda.
4) Le imprese che impiegano fino a cinque dipendenti possono stipulare un contratto a termine.
Il Ministro del Lavoro Poletti che per la sua precedente carica di presidente della Lega Coop sarebbe meglio qualificarlo come il “Ministro del caporalato”, considera la durata triennale e l’acausalità come cardini essenziali della nuova disciplina, il cui obiettivo specifico e caratterizzante è la legalizzazione del ricatto padronale, cioè di tutti i soprusi, sconcezze e razzie che interessano il mercato flessibile e selvaggio della forza-lavoro.
Con il ricatto padronale che diventa legge, si afferma anche la cancellazione di ogni mezzo tecnico-giuridico di difesa del lavoratore, che deve solo sottostare ai voleri dei capi e capetti senza potersi difendere.
Ma non basta: il contratto a termine fino a tre anni diventa la forma contrattuale dominante, al posto del contratto a tempo indeterminato, trasformando così il caporalato nella forma generale di lavoro salariato.
In sostanza il ricatto permanente, la svalorizzazione del lavoro, prima di tutto del lavoro giovanile, sono la risorsa di ogni operazione regressiva.
I lavoratori giovani e adulti, uomini e donne, italiani e immigrati devono difendersi dalla disoccupazione, dall’umiliazione, dal supersfruttamento, cominciando a organizzarsi in tutti i luoghi di lavoro….
INSORGERE CONTRO LA FLESSIBILITA’ DEL RICATTO, DEL DUMPING SOCIALE E SALARIALE
UNIRSI, ORGANIZZARSI ESIGERE IL SALARIO MINIMO GARANTITO, LAVORO O NON LAVORO BISOGNA PRIMA DI TUTTO CAMPARE
GUERRA DI CLASSE CONTRO LA GUERRA NON DICHIARATA DA PARTE DELLA BORGHESIA IMPERIALISTA CONTRO IL PROLETARIATO

COLLETTIVO COMUNISTA METROPOLITANO – MILANO

Advertisements

Informazioni su pennatagliente

Contro ogni revisionismo. Per il marxismo-leninismo-maoismo, principalmente maoismo. Per un giornalismo proletario. Viva Marx! Viva Lenin! Viva Mao Tsetung!
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

2 risposte a “con il contratto a termine si legalizza il ricatto padronale” (da proletari comunisti)

  1. Angelo ha detto:

    Sono Angelo Losito operaio FIAT in cassa integrazione. Mi ha molto interessato l’analisi sull’imperialismo e sul mondo del lavoro che mi avete inviato? Vorrei avere modo di contattarvi e di capire se la lettera ricevuta è stata scritta di vostro pugno,
    Saluti rivoluzionari.
    Compagno Angelo. angelo.sito@libero.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...