genova, sabato 27 settembre: quanta brutta gente, tutta insieme!

In vista delle elezioni regionali della primavera del 2015, sabato ventisette settembre – a partire dalle ore 15:00, presso l’auditorium del Galata Museo del Mare di Genova – si tiene un’iniziativa, dal titolo “Idee e proposte per la Liguria di domani”, del laboratorio Assemblea Popolare.
Si tratta della creatura che, a livello nazionale, è stata costituita dall’ex ministro della difesa, Mario Mauro, e che qui ha come coordinatore regionale lo spezzino Luigi Morgillo, consigliere forzitaliota uscente.
Quest’ultimo è lo stesso viscido personaggio – oggi in giacca blu, pantaloni grigi, e cravatta verde a righe bianche – che presenta la giornata, sostenendo che questo schifo di adunata è volta a costruire “un contenitore della società civile che potrebbe presentarsi da solo (ah ah ah, n.d.r.) o come contenitore di supporto” al candidato della destra radicale e fascista.
I convenuti sono circa un centinaio, nella quasi totalità membri della claque dei relatori; chi non è lì perché comandato dal proprio capo-bastone, lo è in quanto operatore dell’informazione: di gente normale non c’è nemmeno l’ombra.
Trattandosi di un’assemblea di padroni, si potrebbe pretendere la massima puntualità, la stessa che impongono ai propri dipendenti; ma neanche per idea: il lavoratore ha l’obbligo di rispettare gli orari imposti dal padrone, ma quest’ultimo fa quello che vuole, come dimostra il fatto che l’assemblea cominci alle 15:30.
Gli interventi preordinati sono ben quattordici; per questo non devono superare i cinque minuti: il tempo è talmente contingentato che, quando mancano trenta secondi allo scadere, suona una campanella appositamente fatta installare – che pagliacciata – al tavolo della presidenza.
Tra questi, si segnalano. Nicoletta Viziano, presidente dei giovani confindustriali liguri; Furio Truzzi, di Assoutenti; Pierluigi D’Angelo, dell’Associazione Nazionale Amministratori Condominiali e Immobiliari; Claudio Gustavino, ex parlamentare – e consigliere regionale – di Democrazia e Libertà, comunemente conosciuto come la Margherita.
In mezzo a tutta questa spazzatura si trova anche il presidente dell’associazione Gigi Ghirotti – che si occupa di alleviare le sofferenze dei malati terminali, attraverso l’utilizzo di cure palliative – Franco Henriquet, che si occupa di intervenire per primo: evidentemente far parte di una realtà come quella citata non è garanzia di onestà.
Chi scrive non aveva certo intenzione di rimanere molto a seguire questa schifezza, che successivamente avrebbe proseguito con lo sproloquio della Viziano; l’entrata in sala del ‘senatore con la pistola’ – il fascista Giorgio Bornacin, così soprannominato per il suo vizio di girare armato – ne ha solo accelerato l’uscita di scena.

Informazioni su pennatagliente

Contro ogni revisionismo. Per il marxismo-leninismo-maoismo, principalmente maoismo. Per un giornalismo proletario. Viva Marx! Viva Lenin! Viva Mao Tsetung!
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.