jobs act a “tutele inesistenti” (da proletari comunisti)

– Dicono che questo ddl favorisce l’occupazione stabile…
Intanto per tre anni, ma stanno facendo di tutto perchè lo sia anche dopo, si può essere sempre licenziati, e l’azienda non ti deve spiegare neanche il motivo; viene esteso l’impiego del voucher – quasi un’elemosina, in tutti i settori produttivi; alla flessibilità dell’orario ora si aggiunge la flessibilità delle mansioni, il demansionamento, e chi non lo accetta, via; si introduce pure il superamento del divieto delle tecnologie di controllo a distanza, per controllare in ogni momento i lavoratori e tenerli sotto la spada di Damocle di essere sbattuti fuori in ogni momento,
– Dicono che “Vogliamo un mercato del lavoro più equo, dove tutti abbiano il giusto grado di opportunità e di tutele”…
E la loro “equità” sta nel dare a tutti la stessa opportunità di essere licenziati, sempre e comunque, abolendo definitivamente l’articolo 18 – già di fatto reso innocuo – e sostituendolo con qualche soldo di indennizzo.
Vogliono attuare ciò che i padroni da anni reclamano: abolire definitivamente lo Statuto dei Lavoratori e sostituirlo con lo “Statuto del Lavoro”, che potremmo benissimo chiamare lo “Statuto dello sfruttamento e della difesa dei profitti delle aziende”.
Hanno in questi anni preparato il terreno e ora vogliono raccoglierne i frutti.
Cgil, Cisl, Uil strillano, ma loro sono stati i primi a preparare nelle fabbriche, sui posti di lavoro una situazione di perdita via via dei diritti e insieme a questi della resistenza vera dei lavoratori.
I lavoratori sono stati messi nelle condizioni di non poter impedire affatto questo attacco alle conquiste ottenute negli anni ’70 con le grandi lotte.
Ma gli stessi lavoratori non possono trovare scuse, nè solo lamentarsi.
E’ l’ora di rimboccarsi realmente le maniche e usare i muscoli.

Informazioni su pennatagliente

Contro ogni revisionismo. Per il marxismo-leninismo-maoismo, principalmente maoismo. Per un giornalismo proletario. Viva Marx! Viva Lenin! Viva Mao Tsetung!
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.