la comunità ebraica romana è un covo di razzisti

Roma, lunedì ventinove luglio: la città si sveglia imbrattata da scritte razziste contro gli ebrei, firmate da croci celtiche e svastiche.
Un atto esecrabile, senza dubbio da condannare: i fascisti sono ancora e sempre liberi di fare tutto ciò che vogliono, senza che nessuno abbia da fargliela pagare come si conviene.
Bene: assolto il dovere di condannare il lerciume della destra più reazionaria che esista in Italia, ora posso dedicarmi alle cose serie; sì, perché se l’azione è oggettivamente inaccettabile, la reazione della comunità ebraica non è certo da meno.
Il quotidiano La Repubblica del giorno seguente riporta (a pagina quattro, all’interno di un articolo firmato Rory Cappelli) una dichiarazione del presidente della comunità ebraica romana, Riccardo Pacifici, che – dall’entità sionista, dove si trova per partecipare al Congresso ebraico israelitico – dimostra tutto il suo razzismo.
In riferimento a quanto accaduto nelle scorse settimane a Parigi, durante le manifestazioni per la Palestina – e dopo aver raccontato qualche clamorosa bufala sul presunto antisemitismo presente nei cortei – costui afferma, citando un fantomatico deputato francese dell’opposizione di cui si guarda bene dal fare il nome: “i francesi guardano agli ebrei che se ne vanno dalla Francia per andare a vivere in Israele con invidia: perché loro non possono scappare e si sentono assediati da folle di arabi”.
Quanto livore anti-islamico in due righe di sproloquio: ora tutti sanno che la comunità ebraica romana è profondamente razzista; adesso si comprende meglio perché, nonostante siano stati da questi perseguitati con le leggi razziali, i sionisti presenti nella capitale d’Italia rappresentano un bacino sicuro di voti per i fascisti ed i loro accoliti.

Informazioni su pennatagliente

Contro ogni revisionismo. Per il marxismo-leninismo-maoismo, principalmente maoismo. Per un giornalismo proletario. Viva Marx! Viva Lenin! Viva Mao Tsetung!
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.