ilva taranto: l’appello dello slai cobas per il sindacato di classe per cambiare strada

Ilva cambiare strada ora
Solo organizzandosi con lo Slai Cobas è possibile rispondere alla situazione attuale: lo Slai Cobas la pensa diversamente non solo dai sindacati confederali ma anche da USB e Comitato liberi e pensanti.

Comunicato ai lavoratori
Lo Slai Cobas per il Sindacato di Classe invita a seguire un’altra strada e chiama i lavoratori a una mobilitazione di massa immediata a Taranto e non a ROMA nella forma dello sciopero generale che blocchi fabbrica e città.
Gli ultimi provvedimenti della Magistratura mettono obiettivamente fuori gioco la famiglia Riva da potere legittimamente continuare a gestire lo Stabilimento Ilva; a fronte dell’esistenza del punto 6 dell’art. 3 del decreto n. 231/12 – da noi considerato comunque un decreto volto alla salvezza di Riva e inadeguato a mettere a norma lo stabilimento – e che recita: “Il Garante… (segnala) al Presidente del Consiglio dei Ministri, al Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare e al Ministro della salute eventuali criticità riscontrate nell’attuazione della predetta autorizzazione e proponendo le idonee misure, ivi compresa l’eventuale adozione di provvedimenti di amministrazione straordinaria anche in considerazione degli articoli 41 e 43 della Costituzione”, lo Slai Cobas Ilva ritiene che questo punto possa essere immediatamente attuato.
Ma chiediamo al governo e allo Stato che vengano a TARANTO e ci dicano:
– Come e con chi assumete la gestione diretta del piano Aia e del conseguente piano industriale?
– Quali fondi, in entità e durata, siete disposti a mettere per il raggiungimento dell’obiettivo di messa a norma e salvaguardia dello stabilimento?
– Siete disposti a garantire da subito la tutela del salario e di tutti i posti di lavoro dell’Ilva e dell’indotto?
Lo Slai Cobas all’Ilva non ne fa un problema di “forma della proprietà” quanto di effettiva tutela del lavoro e del reddito dei lavoratori, di reale messa a norma dello stabilimento, di piano di bonifica e di risarcimento dei cittadini a partire dai quartieri più colpiti.
Tenendo conto che a nostro giudizio va assolutamente scongiurata la soluzione “Bagnoli” e che senza effettivi investimenti di riconversione industriale non sarà possibile evitare desertificazione, disoccupazione di massa, continuità del degrado territoriale, sanitario e ambientale della città.
Data la situazione dei padroni dell’azienda, anche il suo management attuale non può essere considerato un interlocutore riconosciuto.
Data la messa sotto inchiesta di parte consistente del sistema politico degli Enti locali, che perseguito fino in fondo; dato che i sindacati confederali sono corresponsabili del passato e del punto a cui si è arrivati, lo Slai Cobas pretende:
– un azzeramento dell’attuale Tavolo istituzionale;
– l’immediato decadimento delle attuali rappresentanze aziendali, sia Rsu che Rls;
– l’affermazione netta e chiara che solo le assemblee dei lavoratori hanno potere decisionale e che la rappresentanza sindacale deve essere espressa dalle assemblee e deve avere un rigido vincolo di mandato nel rispettare interessi e volontà dei lavoratori.
Lo Slai Cobas, di conseguenza, è perchè si arrivi per il sostegno della salute e del lavoro allo sciopero generale della fabbrica, estendibile a tutta la città, fino al raggiungimento degli obiettivi.
TA. 29.5.2013

Informazioni su pennatagliente

Contro ogni revisionismo. Per il marxismo-leninismo-maoismo, principalmente maoismo. Per un giornalismo proletario. Viva Marx! Viva Lenin! Viva Mao Tsetung!
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.