campagna nazionale sull’ilva dello slai cobas per il sindacato di classe

IL COORDINAMENTO NAZIONALE DELLO SLAI COBAS PER IL SINDACATO DI CLASSE QUESTA VOLTA SI E’ RIUNITO A TARANTO, IL 31 AGOSTO, PER METTERE AL CENTRO LA MOBILITAZIONE SULLA VICENDA ILVA, COME IMPORTANTE ED ESEMPLARE QUESTIONE NAZIONALE NELLO SCONTRO DI CLASSE TRA OPERAI, MASSE POPOLARI CONTRO PADRONI, GOVERNO E STATO.
In questa riunione il Coordinamento nazionale ha deciso una campagna nazionale sull’Ilva.
Segue il comunicato.
Lo Slai cobas per il sindacato di classe, lancia una campagna nazionale a sostegno della lotta degli operai dell’Ilva e a sostegno delle masse popolari di Taranto per il lavoro e la salute contro padron Riva e lo Stato dei padroni.
Questa campagna tocca le principali città del nord e del sud e ha l’obiettivo di una mobilitazione nazionale che sfoci in una manifestazione nazionale a Taranto, da organizzare insieme a tutte le organizzazioni sindacali di base e di classe e a tutti gli organismi che si occupano della lotta sulla sicurezza sul lavoro e il diritto alla salute degli operai e della popolazione; nonché a tutte le forze politiche di diverso orientamento che affermino con chiarezza che nocivo è il capitale e non le fabbriche e gli operai.
Il Coordinamento nazionale Slai cobas svilupperà questa campagna attraverso volantinaggi, presidi, assemblee, incontri nazionali, mozioni e ogni altra forma di comunicazione.
In questo quadro il CNSC presterà particolare attenzione ai siti Ilva su scala nazionale nelle fabbriche siderurgiche importanti nel ns paese, quale Dalmine, Marcegaglia, e promuoverà un’iniziativa di lotta presso la sede nazionale dell’Ilva di Milano.
Il CNSC come parte della Rete nazionale per la sicurezza sui posti di lavoro – che ha già realizzato una campagna sulle morti sul lavoro all’Ilva e una manifestazione nazionale a Taranto il 18 aprile del 2009, che dai Tamburi ha invaso la città con operai, lavoratori, cittadini e organismi di lotta di varie città italiane – convocherà una riunione della Rete naz. per la sicurezza a Roma nel corso delle prossime settimane,perchè la Rete assumi la sua funzione di centro, unità e raccolta di questa campagna in continuità e sviluppo di tutta l’attività che la Rete sui diversi fronti ha svolto in questi anni.
Il CNSC promuove per i primi di novembre (data provvisoria) un Convegno nazionale a Taranto per approfondire tutti gli aspetti della questione Ilva, all’interno della lotta più generale della classe operaia dei lavoratori e delle masse popolari contro padroni e governo, al servizio della costruzione del sindacato di classe e di massa alternativo ai sindacati confederali e sindacati autonomi, necessario oggi più che mai all’Ilva come alla Fiat, come in tutto il mondo del lavoro.
Il CNSC esprime il massimo appoggio agli operai precari, disoccupati dello Slai cobas per il sindacato di classe a Taranto che stanno conducendo una coraggiosa battaglia per affermare in fabbrica e in città l’autonomia operaia, il fronte unito popolare contro le tendenze aziendaliste e l’ecologismo ambiguo che vuole la chiusura delle fabbriche invece che la lotta in fabbrica per fabbrica messa a norma, e una città risanata e salvaguardata.
Coordinamento Nazionale Slai cobas per il sindacato di classe
TARANTO – 30.8.12

Informazioni su pennatagliente

Contro ogni revisionismo. Per il marxismo-leninismo-maoismo, principalmente maoismo. Per un giornalismo proletario. Viva Marx! Viva Lenin! Viva Mao Tsetung!
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.