uno sguardo sul mashrek

Toh, guarda, un mercenario nelle file dei ribelli siriani: chi lo avrebbe mai detto; lo ha scovato Il Secolo XIX, che lo rende noto nell’edizione di lunedì trenta luglio – a pagina nove, con un réportage di Luigi Guelpa – comunicandone anche il nome, che corrisponde a Lars, l’età, venticinque anni, la nazionalità, svedese, e la zona di combattimento, Aleppo.
Lo scandinavo in questione – secondo le sue stesse parole – percepisce la bella cifra di ottomila Euro al mese, frutto di questo ingaggio procuratogli da un “contatto negli Emirati Arabi Uniti”.
Vera o meno che sia la sua storia, resta un fatto incontrovertibile: finalmente un quotidiano borghese occidentale pubblica le prove della presenza di soldati di ventura stranieri nelle file degli oppositori al presidente della Repubblica Siriana, Bashar Al Assad.
Questa, però, non è l’unica notizia che arriva dal Mashrek (termine arabo che significa Oriente, e si contrappone al Maghreb, cioé Occidente).
Da Gerusalemme – la città capitale dello Stato palestinese occupata illegalmente dall’esercito dell’entità sionista – il candidato del Partito Repubblicano alle presidenziali del 2013 nello Stato degli yanqui, Mitt Romney, fa un annuncio al mondo: capirebbe se l’entità sionista, in piena autonomia, decidesse di attaccare la Repubblica Islamica dell’Iran, con l’intento di impedire a Mahmoud Ahmadi-nejad ed i suoi accoliti di arrivare a possedere la bomba atomica.
L’entità sionista, cane da guardia degli yanqui nella regione, possiede centinaia di tali ordigni: non è accettabile che soltanto lor possano possedere tali esplosivi; per fare in modo che i sionisti abbassino la cresta, è necessario continuare, estendendola, la campagna di boicottaggio, disinvestimento e sanzioni nei loro confronti.

Informazioni su pennatagliente

Contro ogni revisionismo. Per il marxismo-leninismo-maoismo, principalmente maoismo. Per un giornalismo proletario. Viva Marx! Viva Lenin! Viva Mao Tsetung!
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.