nell’interesse della propria setta

Le elezioni amministrative sono alle porte, e le buche delle lettere dei cittadini genovesi sono inondate da tonnellate di materiale cartaceo dei vari candidati con le solite vacue promesse.
Ecco allora che venerdì ventisette aprile ricevo due lettere dai sedicenti democratici: l’una dal capo della setta, Fra Pierluigi da Bettola, l’altra dall’assessore comunale alle Politiche educative uscente, Paolo Veardo.
Il primo si occupa, alla sua maniera, della politica nazionale, con la speranza di carpire la buona fede di chi non si occupa quotidianamente di politica: ha la faccia di tolla di sostenere che tutto ciò che fa il Partito (sedicente) Democratico si muove nella direzione del “bene dell’Italia” in quanto essa è la “cosa che mettiamo davanti ai nostri stessi interessi di partito”: in quest’ottica tiene in piedi il governo Monti del massacro sociale, ma per lui non sembrano esserci alternative.
Indegno, poi, è il passaggio sull’articolo diciotto dello Statuto dei Lavoratori: “combattiamo perché l’articolo 18 sia aggiornato in modo ragionevole, secondo le migliori esperienze europee, e non vanificato”; la solita tiritera sul minor danno possibile, che porta poi ad accettare qualunque schifezza in nome del meno peggio.
Se è possibile, risulta ancora peggiore il contenuto dell’altra missiva, quella dell’assessore Veardo; questi utilizza un tono molto confidenziale “Cara amica, caro amico”: ma chi lo conosce, chi lo ha mai incontrato!
Personalmente non intendo avere alcun tipo di rapporto personale, tanto meno di amicizia, con chi – su tutti i temi per me più sensibili, a cominciare da lavoro e ambiente – la pensa esattamente all’opposto rispetto a me, e pretende di “amministrare nell’interesse della comunità”.
Non è certamente nell’interesse della comunità né sostenere le teorie fasciste del senatore Pietro Ichino, né distruggere il territorio con la realizzazione di grandi opere inutili, faraoniche, devastanti, quali la Gronda autostradale di ponente ed il Terzo Valico ferroviario dei Giovi.

Informazioni su pennatagliente

Contro ogni revisionismo. Per il marxismo-leninismo-maoismo, principalmente maoismo. Per un giornalismo proletario. Viva Marx! Viva Lenin! Viva Mao Tsetung!
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.